mercoledì 22 ottobre 2008

LA FORTUNA

Non credo assolutamente che la Fortuna sia cieca.
Secondo me, ci vede benissimo, perchè è difficile che non si sommi e non cada praticamente sempre tra le braccia di chi ne è ha già tanta.
E la sfiga, quella che si, ci vede benissimo, anche lei si somma, nel senso che se hai già una marea di problemi e di casini, puoi star tranquillo che, impietosamente, ti se ne rovesceranno addosso tanti altri.
Raramente ho vinto qualcosa. Ogni tanto gioco al lotto, ci butto un euro o due, ma non mi esce mai niente.
Al superenalotto avrò tentato si o no tre/quattro volte. Il gratta&vinci invece lo prendo spesso, perchè frequentando i tabaccai, la tentazione è a portata di mano.
Ogni tanto becco cinque o dieci euro e mi accontento, non sono una persona avida, semmai il contrario.
Sono una spendacciona di prim'ordine, ma è più forte di me: i soldi non vanno trattenuti, fanno fatti circolare.
E' grazie a gente come me se l'economia gira.
Venerdì scorso sono stata a Roma, ho aggredito e violentato il mio bancomat che non ha potuto far altro che soccombere alla mia foga spendereccia. Ma sono dell'idea che lavoro, guadagno e sono liberissima di spendere i MIEI soldi.
Ed ho anche acquistato ben due biglietti della Lotteria Italia, cosa mai fatta in vita mia!
Ed oggi mi trovo qui a sperare di poter vincere qualcosa.
Mica perchè sono avida.
Semplicemente perchè l'Enel mi ha inviato una bolletta del gas di €. 1.789,00.
Perchè?
Perchè hanno ritenuto che sia giusto per un povero diavolo ricevere una fattura dove vengano calcolati quattro anni di consumo, imputati in un'unica soluzione; del resto le bollette pagate in tutto questo periodo (e nemmeno di importo basso) erano relative ad un consumo stimato e non rilevato da lettura del contatore.
Allora uno si chiede: ma come? L'Enel non è tenuta a leggerlo questo benedetto contatore?
E l'Enel ti risponde: si, per legge io sono tenuto a passare a farti la lettura del contatore almeno una volta l'anno.
E allora uno chiede: e allora, in questi quattro anni saresti dovuto passare almeno quattro volte.
E l'Enel ti ribatte: ma io sto qui e sono un impiegato, non posso farti niente, non posso nemmeno rateizzarti il pagamento.
E l'uno chiede: ma davvero? E come posso fare?
Ed il solerte impiegato Enel: un modo c'è.
Tu fai scadere la bolletta, crei un bell'insoluto, riceverai una lettera di sollecito pagamento, la ignorerai, ti staccheranno l'utenza per morosità, ma a quel punto ti contatterà direttamente l'ufficio legale per il recupero crediti e allora si che potrai concordare una bella rateizzazione, talmente bella che ti invieranno pure i bollettini di pagamento, come le finanziarie.
Oggi è mercoledì, stasera c'è "CARRAMBA CHE FORTUNA!".
I biglietti li ho comprati.
Non mi rimane che sperare in Raffaella.

4 commenti:

Scarlett ha detto...

se ti può consolare neanche io ho mai vinto qualcheccosa ;)
PS Questo weekend sono nella tua Roma a fare shopping (toh che novità!)

Ranabottola ha detto...

Io mi rivolgerei all'associazione consumatori: è vero l'impiegato non ha in tasca le risposte ed è vero loro al massimo possono passare una sola volta l'anno. Ma qui è 4 anni che non passano, un perchè deve esserci ed una dilazione devono concederla. Lascerei cadere l'ipotesi dell'insoluto, creeresti ulteriori casini.

Tendallegra ha detto...

@Scarlett: resto dell'idea che a vincere siano sempre le stesse persone, per cui rassegnamoci....:o)))

@Ranocchio: l'associazione dei consumatori afferma che l'unica possibilità sia la rateizzazione del pagamento. Non si discute il fatto che io non possa creare l'insoluto, ci manca pure questo, cumulare debiti su debiti, oltre al possibile distacco dell'utenza.
Consiglio a tutti di provvedere all'autolettura del contatore: negli ultimi due giorni, parlano di questa storia, è venuto fuori il fatto che la stessa cosa è capitata a tantissime persone.
Per cui, da oggi in poi, ai primi giorni del mese si chiamerà il nr. verde dell'Enelgas e si comunicherà la lettura.
Che duepalle.
Stò di un depresso indicibile: sai quante paia di scarpe ci potevo comprare con Euromillesettecentottantanove/00.....:o((((((

Taglia ha detto...

Se vuoi aggiungo pure la mia testimonianza che non serve per risollevarti il morale, e magari non serve a niente :D comunque: a casa mia era capitato ancora quando si usavano le lire e per il solo gas ci arrivò da pagare un milioncino e qualcosa, sempre a causa delle letture che non facevano. Da allora abbiamo sempre controllato che i numeri della bolletta corrispondessero a quelli del contatore, e poi facciamo l'autolettura, ma può capitare di dimenticarsene...

e così, giusto qualche mese fa: se loro non fanno la lettura, e tu non comunichi da te i numeretti magici, loro ti addebitano quello che ritengono essere il tuo consumo medio. Quando poi è stata fatta la lettura dal loro incaricato, è saltato fuori che quell'addebito era superiore al consumo effettivo, fatto sta che per due volte in bolletta ci è arrivato da pagare zero euri.

Oggi va così, ma magari domani andrà meglio e potrai comprarti una vagonata di scarpe a cuor leggero ;)