mercoledì 18 febbraio 2009

FESTIVAL DI SANREMO 2009 - PRIMA SERATA: A RISCHIO ELIMINAZIONE TRICARICO, AFTERHOURS ED IVA ZANICCHI

Ci siamo.
Pronta ai blocchi di partenza, emozionata, eccomi qui a scrivere del programma che amo di più, della settimana televisiva e musicale che aspetto tutto l'anno. E' la seconda conduzione targata Bonolis: non sono contenta, non solo perchè mi devo sorbire pure quella palla nasale di Laurenti, ma perchè essenzialmente per me Sanremo è solo Pippo Baudo.
Ed il Festival si apre con l'evento più atteso: ecco la voce della DIVINA, L'IMMENSA MINA CHE CANTA "NESSUN DORMA".
Mina non ha l'X Factor, MINA E' L'X FACTOR.
Ed inizia la kermesse con Bonolis che strilla come un pescivendolo.
Parte la gara.
DOLCENERA - "IL MIO AMORE UNICO": si è tolta tutto il nero dagli occhi, in compenso s'è fatta la gote rosse, sembra la figlia di Heidi. il brano è ritmato, ricorda "Sometime, somewhere, in summertime" dei Simple Minds. Bocciata lei, promossa la scopiazzatura.
FAUSTO LEALI - "UNA PICCOLA PARTE DI TE": la voce di Leali non si discute, è bella, è proprio nera, ma l'attacco della canzone è paro paro "Tu come stai" di Baglioni e tra scuola, scooter, gli amici e gli amori dedica la canzone ai figli. Mi è simpatico, non lo boccio del tutto va (ok, forse sto esagerando, torno in me, non devo farmi commuovere).
Arriva LUCA LAURENTI ed esegue "THAT'S LIFE". Certo, cantata da David Lee Roth è un'altra cosa....ma l'orchestra dal vivo....cari lettori miei, non c'è storia....è puro godimento auricolare, per sentire la musica eseguita così, val la pena di sorbirsi pure il nasotappato.
Torna lo spot della Wind, ma non c'è il mitico Aldo Ramones...e già mi prende una botta di nostalgia nostalgia canaglia....con Pippo non sarebbe mancato, ne sono certa.
TRICARICO - "IL BOSCO DELLE FRAGOLE": il mio TRIMITICO E' VIVO E LOTTA INSIEME A NOI! E' meno spaurito dello scorso anno, non sembra un marziano e stona pure poco. Cosa gli è successo? E' gasatissimo, il pezzo vivace e gradevole. SENTO DI AMARLO. Promossissimo.
MARCO CARTA - "LA FORZA MIA": da "Nemici" con furore, ha fatto strada e si ritrova all'Ariston, vestito di tutto punto da pinguino (vi assicuro che in Sardegna i pinguini non ci sono). Il pezzo è scritto da Paolo Carta, il chitarrista compagno di Laura Pausini, l'intro ricalca "Più bella cosa" di Ramazzotti. Ma la sentiremo su tutte le radio. Però, il piccoletto (a parte le "E" non aperte, ma spalancate a caverna) regge bene l'emozione.
Comunque non mi piace. S'era capito?
PATTY PRAVO- "E IO VERRO' UN GIORNO LA'": anche la Patty è stata ibernata in un surgelatore molto potente, altrimenti non si spiega un tale stato di conservazione. Premesso che ormai, quando parla non si capisca una virgola e non so se dipenda solo dalla dentiera, è la solita con un brano che non ispira particolare emozione, oltre a presentare un sacco di incertezze sull'intonazione e delle stecche notevoli. Però ha un bellissimo look. Ma non mi lascio intenerire dal glamour. Bocciata pure lei.
MARCO MASINI - "L'ITALIA": oddio, mi ero scordata di Masini, non nel senso della partecipazione a Sanremo, ma proprio della sua esistenza in questo mondo. Urla di rabbia sui mali del Paese, s'è rifatto il riportino a spazzola da bravo bambino ed è sempre lui, immutato, immutabile. E dice che l'Italia "c'ha rotto i coglioni" (bè questo è vero....ma mica solo l'Italia....io posso partire con un elenco lunghissimo). Masini che canta il sociale è pure peggio che nel disperatovaffanculocivorrebbeilmarecenerentolainnamorata. Non è bocciato, ho deciso di scordarmi di nuovo della sua esistenza non in questo mondo, nell'intero sistema solare.
FRANCESCO RENGA - "UOMO SENZA ETA'": ha rinnovato il look, tagliato i riccioletti, ma è sempre caruccetto lui, una delle voci più belle che ci sia in Italia. Ed il brano è studiato per esaltare le sue caratteristiche, anche se credo sia poco radiofonico, ma è raffinato. Bella la musica, piacevole e pregevole l'esecuzione. Promosso, la bella musica si premia a prescindere.
ED ARRIVA ROBERTO BENIGNI: bè, niente di nuovo...solite battute su Berlusconi, ormai anche lui è sempre la copia di se' stesso. Però il consiglio al Premier di sparire per diventare mito come Mina è carino.....:o))))
E la presa per i fondelli sulla Zanicchi e le aspettative sessuali oggetto del testo della sua canzone è superlativa!!!
Posso dire che la valletta è una ciospa? Ok, l'ho detto ormai.
Riprende la gara.
PUPO-PAOLO BELLI-YOUSSOU N'DOUR "L'OPPORTUNITA'": mamma mia che sconforto, Paolo Belli mi s'è Pupizzato, Youssou sembra un Farias. Dov'è lo swing? Oddio che ricettacolo di banalità, mi sento male, meno male che Pupo di sente poco...però è la versione moderna di "Che sarà". NON CI VOGLIO CREDERE. Sono talmente sconvolta che mi si è addirittura disconnesso il collegamento internet.
GEMELLI DIVERSI - "VIVI PER UN MIRACOLO": arriva un po' di hip-hop, forse ci svegliamo. Ah no, è "Mary"2...eccheppalle sti cavolo di temi sociali. RIDATEMI CUORE-AMORE, MA CHE CACCHIO DI SANREMO E'? Datemi un brano sanremese classico, palloso, vecchio e noioso. Albano dov'è'? Quando arriva? Solo lui mi può salvare.
ALBANO - "L'AMORE E' SEMPRE AMORE": Grazie Signore che ci hai dato Albano!!! Mi appresto all'ascolto, stordiscimi con la tua melassa sprigionata dalla tua ugola portentosa, inebriami di sentimenti. Ecco...l'attacco è magnifico:"l'amore non corrisposto è sempre amore", il mare...l'orizzonte...questo è Sanremo. Albano sei tutti noi.
AFTERHOURS - "IL PAESE E' REALE": FINALMENTE LA MUSICA. COMINCIO A RESPIRARE, OSSIGENO, ARIA. Bravi, come cantano loro "c'è una strada in mezzo al niente" ascoltato finora. Il cantante stona, ma non importa. Non è un pezzo che si afferra subito, è da riascoltare. PROMOSSI SU TUTTA LA LINEA.
IVA ZANICCHI - "TI VOGLIO SENZA AMORE": e c'ha ragione lei, niente fronzoli, niente blablabla, è questa la donna del terzo millennio, lei è la nostra Samantha Jones. Mi voglio fare uno più giovane senza pensieri, qual è il problema? Se ci dimentichiamo la faccia della Zanicchi, la musica non è male, la sua voce nemmeno. Mi sembra incredibile questa serata, io sto promuovendo Iva Zanicchi, qui si rasenta la follia, sto vivendo e scrivendo cose che noi Tendallegre non avremmo mai potuto immaginare.
NICKY NICOLAI E STEFANO DI BATTISTA - "PIU'SOLE": il brano è scritto da Jovanotti. Di Battista entra lento col suo sax e poi viene fuori l'anima di Lorenzo, allegra e ritmata. Bel mix, mi piace tantissimo, Nicky è una signora cantante, a tratti ricorda Simona Bencini dei Dirotta su Cuba, in altri è un po' Ornella Vanoni e poi sembra Mina. Gran bel pezzo. Mi è tornato il sorriso, torno ad amare Sanremo.
POVIA - "LUCA ERA GAY": e sentiamo l'artefice di tutte queste polemiche che si sono scatenate in questi giorni. Certo che quando c'è di mezzo lui è sempre uno strazio. Ho già detto che lo detesto con tutte le mie forze? Se l'ho detto lo ribadisco, se non l'avevo fatto lo dico ora. Se i gay si sono incavolati hanno ragione. E' come se il protagonista fosse diventato gay per i problemi familiari. DATEMI UN MITRA. ABBATTETELO, LUI E IL PICCIONE.
Interviene Grillini, che dopo le parole di Benigni, afferma di non aver molto da aggiungere e si limita a leggere un sms che gli è arrivato e commenta: "Povia, impara la felicità degli omosessuali".
SAL DA VINCI - "NON RIESCO A FARTI INNAMORARE": Brano scritto da Gigi D'Alessio. Devo aggiungere altro? Modalità :VOMITO ON.
ALEXIA FEAT. MARIO LAVEZZI - "BIANCANEVE": è scritta da Mogol e sembra preso da uno degli scarti dell'album di Celentano "Io non so parlar d'amore". Del resto, il riciclo è importante, lo sappiamo.
Si concludono le esecuzioni di tutti i brani degli artisti big.
Mai vista un'accozzaglia di simili porcherie.
PIPPO DOVE SEI?
PASSIAMO ALLA GARA DELLE NUOVE PROPOSTE.
MALIKA AYANE - "COME FOGLIE": Canta un brano scritto da Giuliano Sangiorgi. Non l'avrei certo messa in questa categoria, ma tant'è...pazienza. Lei mi piace molto e mi piace anche la canzone.
IRENE - "SPIOVE IL SOLE":è saltato il pc, il collegamento, la mia testa, tutto. Solo perchè è la figlia di Zucchero non mi piace. Bocciatura politica.
SIMONA MOLINARI - "EGOCENTRICA": bel pezzo in stile jazz, lei è gradevole, molto molto carina. Bello, bello bello.
FILIPPO PERBELLINI - "CUORE SENZA CUORE": ha la stessa parrucca di Cocciante, se fa pure il Gobbo siamo rovinati e mi impicco col filo del mouse, lo giuro. Ha una voce bella potente, ma io non mi sento molto Esmeralda stasera. Basta così, quanto dura questa cosa? Sono le 01.13 ho la sveglia alle 06.40, AIUTATEMI.
Arriva il responso della giuria. I tre cantanti con meno voti, a rischio di eliminazione sono AFTERHOURS - TRICARICO - IVA ZANICCHI.
Ma mi devo incavolare fin dalla prima serata?

12 commenti:

Anonimo ha detto...

quindi ho fatto bene a non vedere sanremo e magari se uscivi anche tu avresti evitato tanti commenti inutili.......forse!
c'è tanta bella gente in giro e spesso quei pochi esseri brutti e negativi rimasti ce lo fanno dimenticare.....forse!

Tendallegra ha detto...

Hai fatto benissimo...
....forse....:o))))

Giannina ha detto...

Condivido il tuo post in quasi tutti i commenti. (Anche io voto Tricarico!)
Vorrei suggerirti però un diverso modo di vedere la canzone di Povia, se ti va: prova a immaginarti la storia al contrario.
Identica ma al contrario, cioè Luca era etero e per essere felice è diventato gay.
Che effetto ti farebbe ?

Complimenti per il blog.

Taglia ha detto...

@Alessia: io ho sentito solo Niki Nicolai, per me era "tutta" Vanoni :D però ammetto di aver sentito solo l'inizio... poi era tutta Vanoni e ho girato ^_^. Se voglio la Vanoni ascolto l'originale, che pure la preferisco.

Tendallegra ha detto...

@Giannina: ciao cara, benvenuta sul mio blog....:o)))

Che dirti? Credo che questo testo non mi convincerebbe nemmeno al contrario, perchè insomma, bene o male i presupposti sarebbero gli stessi, l'orientamento sessuale come scelta indicata da problemi che accadono nella vita. Non credo sia così. Magari rileggerò meglio il testo e ci penserò su.

Grazie per i complimenti, torna a trovarmi...:o)))

CastenasoForever ha detto...

ne ho parlato anch'io di San Remo: in breve stra-ok Bonolis, di Baudo proprio non ne sento la mancanza, anzi!
Bene Dolcenera, al primo ascolto la mia preferita. Orripilanti gli AfterHours, i peggiori della serata quasi a parimerito con la Patty Pravo.

Fantasmagorico Benigni (ce n'era bisogno di dirlo?) e forse un po' poco in tema e con senso mooolto lato la Katy Perry!

ettore ha detto...

x tendallegra:condivido in pieno i tuoi commenti.grazie
per giannina: al di la' del fatto ch'io sia o non sia gay la canzone di povia è brutta e vergognosamente offensiva.trovo scandaloso che nel 2009 ci sia gente che la pensa cosi (mi riferisco a povia, nello specifico).

Giannina ha detto...

Vi dico solo che è possibile cambiare.
Abbiamo vissuto direttamente il cambiamento di una persona, che ora è felice.(cambiamento al contrario rispetto alla canzone di Povia)
Secondo voi essere eterosessuali o omossessuali è una scelta ?
Lo si decide ?
Voi ad una certa età vi siete guardati in giro e avete detto vediamo mi piacciono di più i ragazzi o le ragazze ???

ettore ha detto...

x giannina.
beh la mia esperienza è stata la seguente: adolescente sensibile ed un poco introverso. nn capivo, o meglio nn volevo capire. odiavo i gay e tutto ciò che rappresentavano. ho avuto ragazze. credevo di amarle. poi finalmente, crescendo e soprattutto accettando ciò che sono, ho capito cosa volevo. ho una bellissima storia d'AMORE (si, anche noi amiamo, checchè ne dica il papa) da 10 anni,convivo col mio compagno da 9. ciò che mi da' fastidio è il fatto che noi, per lo stato, esistiamo solo come erogatori di tasse. nn abbiamo alcun diritto. quelle poche conquiste raggiunte vengono vanificate da una mentalità come quella di povia. sono comunque convinto che gli italiani siano migliori di chi li rappresenta politicamente. questo è tutto. grazie per avermi ascoltato. ettore

Tendallegra ha detto...

@Giannina ed Ettore: vi voglio ringraziare per avere scelto questo spazio per parlare di argomenti importanti. Questa è una piccola paginetta senza pretese e poter avere questo bellissimo scambio con i lettori è un bellissimo momento di crescita.
Vi voglio ringraziare per i toni usati nel comunicare il proprio pensiero, rispettosi, civili, educati.
E vi voglio ringraziare perchè, nonostante su questo blog si cerchi comunque di tenere uno stile "allegro", voi avete capito che, non necessariamente sia sinonimo di banale.
Siete sempre i benvenuti.

Alessia

ettore ha detto...

grazie a te per avere ospitato la discussione. personalmente ritengo che discutere di qualunque cosa(dal ballo del quaquà al dialogo sopra i massimi sistemi), in maniera civile ed educata, senza cercare di sopraffare il pensiero del proprio interlocutore sia il modo adeguato per vivere sereni. i nostri parlamentari(sia a destra che a sinistra)e le chiese di qualunque confessione (a conti fatti sono più o meno tutte uguali.....tutte possiedono la verità assoluta in tasca) dovrebbero imparare ad usare toni più pacati nella discussione.e, soprattutto, il rispetto dell'altro.
grazie ancora alessia, ci sentiamo nei prossimi giorni per i commenti su sanremo ed xfactor

Giannina ha detto...

Non posso che essere d'accordo con il tuo ultimo commento Ettore.
E riguardo a quello precedente.
La tua è una bella storia che conferma ancora che per essere felici bisogna avere il coraggio di cambiare.
Vi consiglio questo bel libricino "Chi ha spostato il mio formaggio?" di Spencer Johnson.

Forse è grazie a questo libro che ho capito la canzone di Povia ed è grazie alla mia voglia di positività che cerco di vedere prima il bene del male !

Grazie per l'ospitalità.