martedì 9 settembre 2008

LUCIO BATTISTI

Il 9 Settembre di dieci anni fa, Lucio Battisti ci lasciava per sempre, portato via da un male incurabile a soli 55 anni.
Anche se da tempo aveva rinunciato ad apparire in video, mai è stato assente dalla scena musicale italiana, continuando a produrre dischi, anche dopo il prolifico ed indimenticabile sodalizio artistico con Mogol, servendosi del poeta Pasquale Panella.
Lucio Battisti è stato certamente il più innovatore tra i cantautori della musica leggera italiana.
Il nostro dna è intriso della sua musica e delle sue canzoni.
E' un fenomeno che attraversa ogni generazione, ogni età, ogni persona, di qualsiasi cultura ed estrazione.
Ognuno di noi sa cantare e conosce a memoria almeno una canzone di Lucio Battisti.
E questo significa una sola cosa: cioè che l'arte sopravvive all'autore. L'opera si distacca dal suo creatore e diventa patrimonio di tutti.
Questa è la mia personalissima classifica delle tre più belle canzoni di Lucio Battisti:
1. PRENDILA COSI'
2. E PENSO A TE
3. IL MIO CANTO LIBERO
Ora ditemi le vostre tre canzoni....e ditemi perchè le preferite.

7 commenti:

Scarlett ha detto...

So che sto per dire un'eresia e che mi bannerai a vita dal tuo blog ma personalmente ritengo che i grandi artisti del passato abbiano un pò stufato, perchè noi italiani siamo troppo nostalgici e ancorati alle vecchie glorie e ogni occasione è buona per riproporre sempre gli stessi brani, questo lo penso di tutti indistintamente sia chiaro :)
Detto ciò a me di Battisti piace IL TEMPO DI MORIRE, è l'unica che salverei, le altre a forza di sentirle mi danno sui nervi ;-)

Tendallegra ha detto...

Scarlett: non è mia abitudine bannare nessuno, ho rispetto delle altrui opinioni, anche se diverse dalle mie e spesso lo sono.

Quando si apre un blog, si scrive, si pubblica e si accettano commenti liberi e privi di moderazione, si mette in conto tutto, anche un commento che non ci piace nel contenuto, o magari un contenuto che proprio non vorremmo leggere.

Per cui se non ti piace Battisti, pazienza! Ce ne faremo una ragione..... (del resto a me piace Kid Rock...per cui...:o))))

SCARLETT ha detto...

Guarda che lo sapevo che non mi cacciavi via eh! La mia era una premessa semi-seria ;)
Non ti "frequenterei" se ti ritenessi intollerante, egocentrica e poco aperta al confronto :D
W Tendallegra!

acrimonia ha detto...

Ecco io son d'accordo con Alessia.
Battisti è un monumento, per me, uno di quei ponti che mi collegano al mondo di mio padre e quello di mia madre, per cui può capitare, una domenica sera, di andarcene insieme a cena e cantare in auto tutti e tre come nei film di Moretti "7 e 40".
La mia classifica personale, le mie top 3... Difficile, le amo quasi tutte le sue, le ho ascoltate fino allo sfinimento, le ho cantate, le ho vissute.
Dunque, sicuramente "Eppur mi son scordato di te", che fu cantata anche dalla Formula 3 ma io preferisco Lucio :).
Poi, "La canzone del sole", dal valore affettivo inestimabile.
La struggente "Pensieri e parole" non può mancare, e così sono già a tre, ma come faccio ad escludere "7 e 40", "I giardini di marzo", "Emozioni", "Con il nastro rosa"?

Tendallegra ha detto...

@Scarlett: eddai...egoncentrica ci sono....ammettilo....:o))))

@Monia...eddai...bisogna necessariamente decidere (sapessi quanto hanno combattuto "Amarsi un po'"-"Una donna per amico"-"Io vorrei non vorrei ma se vuoi") per entrare nella mia Top3!

acrimonia ha detto...

Ok, allora:
1) Eppur mi son scordato di te, perché mi ricorda un amico carissimo e lontano che mi ha aiutato a trovarla cantata da Battisti e non dalla Formula 3.
2) La canzone del sole, perché parla di un amore adolescente, io l'ascoltavo, la cantavo e la vivevo: mi ricorda i miei 17 anni, il mio ex moroso, i miei amici di allora.
3) 7 e 40, perché è, come dicevo nell'altro commento, il ponte che collega il mio mondo a quello dei miei genitori.
Contenta ora? :)

Waddle ha detto...

Ciao,
io penso l'esatto contrario di Scarlett. La musica italiana di oggi è al limite dell'inascoltabile, forse per questo ascoltiamo ancora le vecchie glorie.